Accademia Scacchi Milano
Scuola di Scacchi riconosciuta FSI
Presso Circolo Culturale "I Navigli"
Via De Amicis 17 - M2 S. Ambrogio
Tel. 328 7194921
C.F. 97419000159
Sede climatizzata, ampia ed elegante
con bar, ristorante ed auditorium.
Riservata ai Soci

ASM


15:00-00:00 da Lunedì al Sabato
09:30-00:00 Domenica

     La nostra Sede
     Iscriviti all'Accademia
     Organizzazione
     Tutti gli Eventi in Calendario


Calendario Accademia

<< Agosto 2021 >> 
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Seguiteci

Accademia su FacebookAccademia su TwitterAccademia su Google PlusRSS Accademia
 115 visitatori online
Ultimo aggiornamento del sito:
Mercoledì 14 Luglio 2021 14:09
Google
Web Accademia

Tattica del giorno

Per gli autori



L'Emozione di vedere nascere un Circolo
Cultura - Storia
Scritto da Fiorenza Viani   
Giovedì 21 Giugno 2012 14:11

LArtista_e_lo_ScacchistaOre 10:00 di una caldissima domenica (17.06) in Boario Terme (BS): Walter Ravagnati avvia il Primo Trofeo Scacchistico "Città di Boario" organizzato e proposto dal neo-nato Circolo Scacchi Boario con sede al bar Manzoni nella Galleria d'Arte in cui espone il Maestro (di pittura, non di scacchi) locale: un dolcissimo signore anziano dai capelli candidi (nella foto con il vincitore del torneo). Ma non più giovanissimo è anche il promotore della nascita del primo Circolo della Val Camonica: il proprietario del bar Manzoni, un signore alto e distinto, elegantissimo e molto galante che premia la fatica delle signore presenti con splendidi mazzi di fiori. Il battesimo è di tutto rispetto: un IM (Roberto Messa - Torre&Cavallo), un FM (Sergio Braghetta - Scacchi Franciacorta), un CM (Francesco Agnelli - Scacchi Franciacorta), un 1N (Prince Mondal - SSM), un altro 1N (Guglielmo Salvo - Scacchi Franciacorta), l'immancabile Aristide Zorzi (2N - Torre&Cavallo), qui in veste di giocatore ma chiamato dagli organizzatori ad animare la kermesse e a procurare l'Arbitro ed un AI (il nostro Ravagnati) a dirigere il torneo.

Con la Challenge in parallelo, trenta giocatori si sono sfidati fino alle 18:30. Molto intenso e combattuto lo scontro fra l'ex-maestro e l'ex-allievo: Zorzi-Mondal (pochi forse sanno che Prince, bresciano di residenza, ha iniziato la sua carriera scacchistica sotto la guida di Zorzi), chiuso con una patta preceduta da un furibondo picchiar di mani sugli orologi (tempo scaduto per Zorzi ma insufficienza di materiale per dar matto per Mondal). Complicato ma divertente il meccanismo della premiazione del torneo che ha visto prevalere Braghetta su Agnelli e Salvo, con Mondal al quarto posto e premi veramente per tutti. Alla fine, una buona bottiglia di vino della Franciacorta per ognuno dei partecipanti, bambini compresi! Grazie a Zorzi (e a Messa), Brescia sta riabbracciando gli scacchi.